Il Nolano, l’isola del lavoro che non c’è

Un abitante su tre nel Nolano non lavora. E forse anche più. E’ la fotografia impietosa di un territorio che combatte e perde con la crisi. Ogni giorno. Ogni (fine) mese per chi ci riesce. Parole e numeri del centro per l’impiego di Nola che comprende un bacino di utenza di oltre 100mila abitanti con i comuni di Nola, Camposano, Carbonara di Nola, Casamarciano, Cicciano, Cimitile, Liveri, Palma Campania, Roccarainola, San Paolo Bel Sito, Tufino, Comiziano e Visciano. Sono 35515 le persone in attesa di un lavoro. Un numero sicuramente approssimato per difetto visto che nel conto non ci sono i precari senza alcuna garanzia e certezza, quelle persone che da tempo hanno rinunciato all’iscrizione all’ex collocamento, quelli inattivi che sbarcano il lunario con lavoretti in opera, quelli che stentano a sopravvivere con la stracciata pensione sociale e quelli che hanno perso la speranza nel trovare un lavoro. Un bollettino di guerra diviso per sesso, fasce di età che “seziona” quella che da tempo in questa area è diventata una vera e propria emergenza sociale vista anche la crisi in atto dal punto di vista industriale, la chiusura di diverse attività industriali di livello e la drastica riduzione di impiegati e lavoro in altre aziende. Difficile, diciamo impossibile, anche fare impresa con esercizi commerciali e imprese che ballano per una sola stagione e poi chiudono per manifesta assenza di clienti sempre più costretti a tirare la cinghia. Gli iscritti al centro per l’impiego nolano al 20 settembre 2013 sono oltre 35mila, in aumento rispetto ai 33800 del 2012. La fascia più colpita è quella oltre i 51 anni per entrambi i sessi, seguita da quella che va dai 31 ai 40 anni che precede di pochissimo quella dai 25 ai 30.  Il paese con più persone in attesa di lavoro è Roccarainola con il suo 39%, seguito da Visciano con 38% e Cicciano 37%. Poi ci sono tutti gli altri comuni con percentuali superiori al 30%, fatta eccezione per San Paolo Bel Sito (29%) e Comiziano (28%). Tutto ciò tenendo presente che nella classifica dell’intera provincia di Napoli, negli ultimi dieci posti ben otto sono occupati da comuni del Nolano. Il grido di dolore è confermato dagli stessi operatori del centro per l’impiego: “Facciamo il possibile tutti i giorni  con i mezzi che abbiamo a disposizione – dice il direttore Umberto Capolongo – siamo sopraffatti dalla nascita e dal proliferare di tante agenzie interinali che fanno il bello e il cattivo tempo nel mondo del lavoro.  Ma il dato più sconfortante di tutti – continua Capolongo – è che le persone hanno perso fiducia. Per fare un esempio è stato appena messo un bando per 9 posti di lavoro nel nostro circondario e appena in 270 hanno presentato domanda”. Eppure il centro nolano (50 persone ogni giorno visitano gli uffici a caccia di un impiego) da tre anni ha anche attivato il servizio della mailing list. “In pratica inviamo via mail le offerte di lavoro che ci pervengono a tutti gli iscritti – sottolinea il dirigente  – al momento sono oltre 4000 gli utenti che ricevono puntualmente utili informazioni sulle offerte di lavoro direttamente a casa”. “il nostro obiettivo – conclude Capolongo – è quello di riuscire ad essere un reale punto di riferimento per i giovani e più in generale per tutte le persone in cerca di lavoro”.  Un mare di impegno in un oceano di difficoltà. E’ la crisi, bellezza.

Ecco i dati comune per comune *

NOLA : 11115 iscritti alle liste del centro per l’impiego. Percentuale 32,85%

CAMPOSANO:  1860 iscritti, percentuale 34,98%

CARBONARA:  711 iscritti, percentuale 30,25%

CASAMARCIANO: 1022, percentuale 31,45%

CICCIANO:  4646 iscritti, percentuale 36,83%

CIMITILE:  2241 iscritti, percentuale 31,12%

COMIZIANO: 517 iscritti, percentuale 34,98%

LIVERI:  552 iscritti, percentuale 33,33%

PALMA CAMPANIA:  5212 iscritti, percentuale 34,49%

ROCCARAINOLA:  2786 iscritti, percentuale 39,04%

SAN PAOLO BELSITO:  1056 iscritti, percentuale 29,87%

TUFINO:  1158 iscritti, percentuale 30,68%

VISCIANO:  1719 iscritti, percentuale 38,02%

* (DATI CENTRO PER L’IMPIEGO DI NOLA)

Annunci

3 pensieri su “Il Nolano, l’isola del lavoro che non c’è

  1. Nessuno però parla del lavoro svolto dai dipendenti del centro dell’impiego!! ..Sono profondamente deluso dalla loro incompetenza e incapacità ! Personalmente ho assistito a scene allucinanti : alcuni non sanno scrivere al computer, altri fanno la calza (nel vero senso della parola ) , altri ancora danno recapiti telefonici di iscritti laureati ad aziende di pulizia senza il previo consenso degli iscritti stessi . Inoltre la newsletter non arriva a tutti, ma solo agli iscritti ancora studenti , a chi ancora non può benificiarne,oppure volutamente arrivano SOLO delle offerte lavorative che non interessano al suddetto iscritto , soffocando le altre offerte al fine di ridurre la concorrenza . Chiedo che vengano presi dei provvedimenti al fine di migliorare un organismo e un servizio per i cittadini . Queste cose non devo accadere, sono gravi e vanno denunciate !

  2. salve, volevo farvi una domanda, come mai il vostro giornale non ha mai parlato dello scandalo avvenuto nel nolano dei posti di lavoro in vendita che in fine si è rilevata una truffa a spede di molte persone fatta dal polito e giornalista che anche voi conoscete molto bene???? farebbe davvero piacere a me ed a molte altre persone se faceste un’ articolo sull’accaduto è giusto far ricordare l’accaduto per far si che la gente sappi che schifo di persone esistono ……. nola-scandalo-ntv-striscia-la-notizia-scopre-posti-di-lavoro-in-vendita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...